I ransomware sono virus informatici che rendono inaccessibili i dati dei computer infettati e chiedono il pagamento di un riscatto per ripristinarli.

Vediamo come è fatto ed un metodo innovativo per proteggersi.

Quando un sistema informatico viene attaccato da un ransomware e i file contenuti vengono crittografati significa che il virus ha già superato tutte le difese. Oltre a questo molti malfattori che li programmano non si accontentano e non si fermano dopo aver sfondato le barriere di protezione di un solo PC: non è raro, infatti, che un attacco colpisca dal 20% all’80% dei PC di un’intera azienda, compresi server e NAS o sistemi in cloud!!!

Ma com’è fatto e come opera un criptovirus?

Quella che vedete qui sotto è uno degli esempi, più o meno, di stringha che rappresenta un criptovirus.

Normalmente, in caso di infezioni, la prima azione a cui si pensa è quella di ripristinarli da un backup: ma abbiamo un backup? E siamo sicuri che funzioni? Nel caso in cui non fosse possibile il recupero ci si arrende a pagare il riscatto.

Questa opzione, però, non è l’ideale: una volta pagato il riscatto, non è detto che ci si possa considerare al sicuro. Bisognerebbe prima eliminare del tutto il malware dal sistema per evitare che possa reinfettare di nuovo il sistema, molto spesso anche sui file backuppati quando, per esempio, i file sono disponibili su un’unità di rete o nel cloud.

Poiché il ransomware ha ormai bypassato tutte le difese aziendali, solitamente si cerca di combatterlo con una azione che si definisce “reimage completo del sistema”. Una volta eseguito occorrerà riconfigurare la macchina in base all’utilizzo dell’utente e ripristinare i dati.

Un ripristino di questo tipo può richiedere diverso tempo, soprattutto se si deve eseguire su più di un PC. Possono occorrere dalle 4 alle 8 ore per una singola macchina e circa 16 giorni in totale per ripristinare i sistemi dopo un attacco ransomware: ammesso che sia possibile!

Il problema è che non tutte le aziende, soprattutto nel caso di PMI, dispongono di tante risorse, in termini di personale e budget, per ripristinare nel breve termine un grande volume di PC compromessi e i relativi problemi che derivano da un attacco del genere.

Molte volte questo si traduce nell’acquisto di nuove attrezzature per tutti i dipendenti in modo da risparmiare tempo magari rassegnandosi anche alla perdita dei dati.

Ma quanto denaro ci si perde?

Le perdite possono essere molto ingenti, fino al punto che l’azienda non riesca a sostenerle e non possa mai più ripartire.

Non vale però la pena di pensarci perché c’è qualcos’altro che si può fare.

Come difendersi

Ed anche se è vero che prevenire è meglio che curare, e che la formazione, anche se necessaria, da sola non basta più, esistono soluzioni innovative, approcci diversi, per affrontare la situazione una volta che si presenti il problema.

Ricordando quindi che tutti i sistemi sono composti di persone oltre che da macchine, unire la formazione con un approccio “zero thrust” (così si chiama una strategia che tenga conto dei virus sconosciuti agli antivirus) alla Cyber Security porterebbe un netto miglioramento della sicurezza e della resilienza dei sistemi stessi.

Dopo aver analizzato lo scenario (disastroso) che si prospetta ogni qualvolta un sistema IT viene infettato da ransomware, voglio dunque parlarti dell’approccio innovativo di NeuShield Data Sentinel.

Si tratta di una soluzione che utilizza una particolare tecnologia di ripristino, chiamata One-Click Restore, grazie alla quale è possibile riportare l’intero sistema operativo di un PC all’ultima versione “buona” in pochi secondi, con un semplice click.

Nel momento in cui viene ripristinata l’ultima istantanea utile, anche il malware viene totalmente eliminato e in questo modo i file utente non vengono persi.

Perché questa soluzione mi è utile?

Ecco le 3 cose che rendono unica questa soluzione:

  1. Semplicità di utilizzo: il ripristino è sempre possibile e può essere avviato anche da remoto ed è quasi istantaneo. Non è quindi necessario che i tecnici siano davanti al PC.
  2. Velocità di recupero: aspetto fondamentale quando si tratta di riparare i danni dopo che si verifica un cyber incidente. La soluzione, infatti, riporta il PC compromesso allo stato di salute precedente l’infezione. Quindi impostazioni, applicazioni e documenti vengono mantenuti durante il processo, non è necessario riconfigurare il PC o il server o il NAS dopo il ripristino.
  3. Risparmio di tempo e denaro: infine, ma non per importanza, il fattore costo. Che NeuShield faccia risparmiare tempo e denaro ormai l’hai capito, no? Basta pensare ai costi di inattività produttiva, a quelli relativi alle risorse IT impiegate e ancora quelli dei premi dell’assicurazione per la cybersecurity.
    Oltre a questo il costo: praticamente come quello per un antivirus.
    Nulla comunque di paragonabile alla tranquillità di sapere che i tuoi dati sono costantemente al sicuro.

A questo punto non ti manca che chiedere di saperne di più. Chiedi di essere contattato da uno dei nostri esperti per scoprire di più su questo tipo di soluzione. Verrai chiamato e ti illustreremo, GRATIS, questa soluzione: clicca questo link >> DataSentinel

Se questo articolo ti è piaciuto o pensi che possa essere utile, condividilo sui tuoi social preferiti ed iscriviti alla nostra newsletter: è gratis e puoi cancellarti quando vuoi!